Storia

 

1863- Alcuni giovani apprendisti della North Staffordshire Railway, tutti
provenienti dalla prestigioso collegio Charterhouse, formano una squadra di
calcio chiamandola Stoke Ramblers.

1868- Gli Stoke Ramblers disputano la prima partita della loro storia nell’
Ottobre di questo anno al Victoria Cricket Ground. Henry Almond, fondatore
del club (e anche autore del primo gol nella storia della squadra) lascerà in seguito il club per seguire la carriera di ingegnere civile.

1875- Un aumento delle presenze alle partite costringe il club a trovare un
nuovo campo. Si trasferisce quindi a Sweetings Fields, terreno di proprietà
dell’allora sindaco di Stoke on Trent, Alderman Sweeting.

1878- Lo Stoke Football Club si unisce con lo Stoke Victoria Cricket Club
cambiando ancora terreno di gioco. Questa volta ci si trasferisce all’ Athletics
Club Ground, presto conosciuto meglio come Victoria Ground.

1888- Lo Stoke è una delle 12 squadre fondatrici della Football League insieme
a Preston North End, Aston Villa, Wolves, Blackburn Rovers, Bolton Wanderers,
West Bromwich Albion, Accrington Stanley, Everton, Burnley, Derby County e
Notts County.

1908- Pur avendo ottimi giocatori, lo Stoke soffre di grossi problemi economici
e deve cederli. A causa di queste difficoltà perde anche il League Status e
iscrive due squadre, una alla Birmingham & District League e l’ altra alla
Southern League. Vince tutti e dieci le partite, segnando 48 gol.

1915- Rielezione come partecipante alla Football League, ma il primo conflitto
mondiale non permette alla squadra di giocare per anni.

1919- Il club acquista il Victoria Ground e costruisce una tribuna “all seater”,
la Butler Street Stand, che può contenere fino a 12.000 spettatori, portando la
capacità totale dello stadio a 50.000 posti.

1925- Stoke-on-Trent acquisisce lo status di città e la squadra diventa Stoke
City FC.

1932- Il diciassettenne Stanley Matthews entra a far parte dello Stoke City
come allievo, esordendo contro il Bury nel Marzo di quest’anno. Diventerà il
primo giocatore in 30 anni di storia dello Stoke City a vestire la maglia della
nazionale.

1937- I Potters vincono contro il West Bromwich Albion con il risultato record
di 10-3. In Aprile contro l’Arsenal invece realizzano il record di presenze allo
stadio con 51,373 spettatori. Freddie Steele, centravanti dello Stoke e della
nazionale, si distingue come grande goleador siglando in questa stagione ben
33 reti. Il centravanti in carriera al City segnerà 140 reti in 224 presenze,
mentre in nazionale ne realizza 8 in 6 partite. Un “Treble” lo ha fatto anche lo
Stoke!!

1939- L’esplosione della Seconda Guerra Mondiale ovviamente congela
l’attività anche in campo calcistico, e lo Stoke City prende parte solo ad alcune
partite schierando squadre miste composte da dilettanti della zona e ospiti.

1946- Durante un incontro tra Stoke City e Bolton si rompe una barriera di
protezione nello stadio causando la morte di 33 spettatori e il ferimento di altri 520.

1947- Lo Stoke City deve vincere l’ultima partita di campionato per vedersi
incoronare Campione d’Inghliterra per la prima volta, ma viene sconfitto 2-1
dallo Sheffield United. Il titolo finirà nelle mani del Liverpool. Alla fine di questa stagione Stanley Matthews viene ceduto al Blackpool all’età di 32 anni.Il suo nuovo allenatore gli chiese “Te la senti di fare un’altro paio d’anni?”.Sir Stanley Matthews terminò la carriera a 50 anni.

1952- Tony Waddington, futuro grande manager dei Potters, arriva allo Stoke
come aiuto coach.

1953- Lo Stoke City viene retrocesso dalla First Division in quella che sarà
una pessima decade per la società. A completamento del pessimo risultato
sportivo, anche le tribune si svuotano raggiungendo il record negativo: sotto le
10.000 presenze per la prima volta dal 1919.

1960- Tony Waddington diventa Manager e convince subito Stanley Matthews
a tornare tra le fila dello Stoke. Waddington porta al club una nuova tattica
chamata “The Waddington Wall” (ovviamente difensiva) che avrà un grande
successo negli anni.

1961- Le presenze allo stadio sono sempre basse, ma la partita che vede il
ritorno a casa di Stanley Matthews attrae un pubblico di 35,974 spettatori,
con un incasso che ripaga ampiamente i 3.000 pounds spesi per riacquistare
“The Wizard”  dal Blackpool.

1972- Il 4 Marzo finalmente lo Stoke City conquista la sua prima coppa
importante, sconfiggendo 2-1 il favorito Chelsea nella finale della Coppa di
Lega di fronte ad un pubblico di 97.852 spettatori.

1976- Il club subisce un altro tracollo finanziario quando a Gennaio durante
una giornata di forte vento il tetto dello stadio viene divelto per una spesa di
ripristino pari a 250.000 pounds. Per fare fronte alle spese, lo Stoke si vede
costretto a vendere giocatori importanti come Jimmy Greenhoff, Mike Pejic e
Alan Hudson, con un ricavo complessivo di 440.000 pounds. La retrocessione è inevitabile, e anche Tony Waddington lascia il club.

1979- I Potters si classificano al terzo posto in Second Division dietro Crystal
Palace e Brighton, tornando in First Division.

1985- Lo Stoke viene di nuovo retrocesso dalla First Division dopo 6 stagioni.
La squadra vive una stagione terribile, che la vede sommare solo 17 punti
contro un totale disponibile di 126 con una differenza reti di -67.

1990- I biancorossi retrocedono in Third Division.

1992- Sotto la guida tecnica di Lou Macari, lo Stoke City conquista l’Autoglass
Trophy.

1993- Il City vince la Division Two con 93 punti, vincendo 27 partite su 46.

1998- Lo Stoke viene di nuovo retrocesso in Terza Divisione dopo una sconfitta
per 5-3 contro il Manchester City.

2000- I potters vincono l’Auto Windscreens Shield a Wembley.

2002- Lo Stoke batte il Brentford 2-0 nella finale dei Playoff di Division Two al
Millennium Stadium.

2008- Il manager Tony Pulis guida la squadra in Premier League per la prima
volta, conducendo lo Stoke prima ad un’ agevole salvezza, consolidando in
seguito la posizione in una “comfortable mid-table”.

2011- Finalmente per la prima volta nella sua storia lo Stoke City disputa la
Finale di FA Cup!! Il gol di Yaya Tourè è sufficiente al Manchester City per
assicurarsi la coppa, ma lo Stoke è qualificato per l’Europa League che onora
con un ottimo cammino: passa i due turni a eliminazione diretta e supera
agevolmente il proprio girone, venendo poi estromesso da un Valencia di
caratura superiore.

Advertisements

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out /  Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out /  Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out /  Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out /  Change )

Connecting to %s